© EDILFLOOR S.P.A. | P.IVA IT 00499300242 credits
 
 

Costruzioni di terra, fondazioni e strutture di sostegno

L’esigenza di limitare planimetricamente l’ingombro di un rilevato stradale e la necessità di riutilizzare i terreni in loco, aventi caratteristiche geotecniche non conformi al capitolato, ha favorito lo sviluppo di strutture rinforzate con materiali geosintetici ad elevato modulo elastico quali geogriglie o geotessili tessuti.

Questi materiali conferiscono caratteristiche di resistenza a trazione al sistema geotecnico, poiché il terreno è inizialmente capace di sopportare solo sforzi di compressione e taglio. I geosintetici solitamente utilizzati per il rinforzo (Edilgrid® W, Geodren® W-PP, Geodren® W-PES) permettono l’utilizzo di terreni con scarse prestazioni geotecniche, mantenendo nel tempo le caratteristiche meccaniche previste dal progetto.

Poiché le opere in terra rinforzata hanno sia una valenza strutturale sia un’esigenza estetica è auspicabile prevedere una protezione dall'erosione ed un rinverdimento per strutture con inclinazione fino a 70°–75°. Per questo scopo solitamente si utilizzano biostuoie o gestuoie (JuteNet, StrawMat®, SintexMat®).

Le terre rinforzate possono essere preferibili ai muri in cemento in zone con elevata sismicità poiché strutture di tipo flessibile. Nel caso in cui si debbano regimare acque afferenti alla struttura è auspicabile convogliarle ed allontanarle rapidamente utilizzando un geocomposito drenante (SintexDrain, NewDrain). Anche in questo caso Edilfloor è in grado di fornire un’adeguata assistenza sia in fase progettuale sia in fase di realizzazione.
 
it|en