© EDILFLOOR S.P.A. | P.IVA IT 00499300242 credits
 
 

Capping di discarica

Italia, Ravenna (RA)
Geocompositi drenanti e geostuoie per capping di discarica

Problema:
Terminata la coltivazione della discarica per rifiuti non pericolosi di proprietà della società HERA, sita in via Romea Nord (Ravenna), si è posto il problema della chiusura definitiva delle scarpate perimetrali mediante l’impiego di geosintetici. La soluzione con geosintetici nelle scarpata è stata approvata dalla Provincia di Ravenna per ragioni di sicurezza della scarpata stessa. Si è pertanto proceduto a:

  • valutare la tipologia dei geosintetici drenanti per ottenere una sostanziale equivalenza nei confronti di uno spessore di materiale naturale;
  • valutare l’equivalenza dei geocompositi sintetici da utilizzare in alternativa allo strato di impermeabilizzazione;
  • valutare la stabilità complessiva del pacchetto di copertura adottato.

Per quanto riguarda lo spessore del terreno vegetale di copertura indicato nel DL 36/2003 (>1.00 m), atto a favorire lo sviluppo delle specie vegetali di copertura ai fini del ripristino ambientale e idoneo a fornire adeguata protezione termica alle barriere sottostanti, si è optato per la stesa di 30 cm di terreno, in base alle seguenti considerazioni:

  • lo spessore di 30 cm risulta adeguato per la crescita di essenze erbacee con limitato apparato radicale;
  • la funzione di protezione dalla erosione dall’acqua viene garantita dalla presenza dell’inerbimento;
  • la funzione di barriera termica è rivolta principalmente agli strati minerali che possono essere sostituiti da geomembrane e/o geocompositi bentonitici.

Soluzione:
Viste da un lato le inclinazioni medie delle scarpate laterali della discarica e dall’altro lo spessore medio del terreno vegetale di copertura e gli angoli d’attrito tra le varie superfici dei geosintetici costituenti il capping e geosintetici-terreno, al fine di garantire la stabilità della scarpata, si è previsto l’utilizzo del SintexMat® R35/20, geostuoia tridimensionale per controllo erosione. Mentre considerando lo spessore del terreno granulare da sostituire (50 cm) e sempre l’inclinazione delle scarpate (30°) è stato previsto l’utilizzo del SintexDrain® GNG5, geocomposito drenante sia come strato di captazione biogas che come strato drenante delle acque meteoriche.
Le analisi statiche e sismiche sono state condotte secondo l’approccio di Ling e Leshchinsky (1997), che può essere considerato, per tali opere, tra le formulazioni più complete basate sull’equilibrio limite. Mentre per la parte idraulica è stata utilizzata la legge di Darcy.

Committente:
HERAMBIENTE SPA
Impresa esecutrice:
CBR SPA
Prodotti:
86.400 m2 di geocomposito drenante SintexDrain® GNG5 e 32.000 m2 di geostuoia SintexMat® R35/20.

 
 
it|en